La visita per infertilità di coppia: un percorso diagnostico completo


Inquadramento diagnostico: un approccio integrato

L’inquadramento diagnostico della coppia infertile richiede un approccio integrato che tenga conto sia della componente femminile che di quella maschile.

Valutazione della componente maschile

La valutazione della componente maschile è di solito più semplice e si basa principalmente sull’analisi dello spermiogramma, un esame che valuta la qualità del liquido seminale.

I risultati dello spermiogramma vengono interpretati dal medico della riproduzione e dall’andrologo, specialista dell’apparato riproduttivo maschile.

Valutazione della componente femminile

La valutazione della componente femminile è più complessa, poiché il concepimento dipende da diversi fattori:

  • Presenza di ovuli: gli ovuli sono le cellule riproduttive femminili e la loro presenza è essenziale per il concepimento.
  • Presenza di spermatozoi: gli spermatozoi sono le cellule riproduttive maschili e la loro presenza è fondamentale per fecondare l’ovulo.
  • Tube pervie e competenti: le tube di Falloppio sono i canali che collegano le ovaie all’utero e permettono l’incontro tra ovulo e spermatozoi.
  • Utero in grado di sostenere la gravidanza: l’utero è l’organo in cui si sviluppa la gravidanza e la sua salute è essenziale per portare a termine una gestazione.

La visita ginecologica: un primo passo fondamentale

La visita ginecologica rappresenta il primo passo nel percorso diagnostico della donna.

Durante la visita, il medico raccoglie informazioni sulla storia clinica della paziente (anamnesi) e procede con un esame fisico.

Ecografia

L’ecografia è uno strumento diagnostico fondamentale che permette di valutare la presenza e la normalità dell’utero e delle ovaie.

Attraverso l’ecografia è possibile visualizzare i follicoli ovarici, strutture che contengono gli ovuli.

Valutazione della pervietà tubarica

La valutazione della pervietà tubarica richiede un esame specifico, poiché le tube di Falloppio non sono visibili all’ecografia standard. 

La sonosalpingografia è un esame che utilizza l’ecografia transvaginale per valutare la pervietà delle tube. Durante l’esame, viene iniettato un liquido sterile (soluzione fisiologica) attraverso un catetere posizionato nell’utero. Se il liquido fuoriesce dalle tube, significa che sono aperte.

Esami Ormonali

Gli esami ormonali forniscono informazioni preziose sul funzionamento delle ovaie. 

Questi esami misurano i livelli di diversi ormoni coinvolti nel ciclo mestruale e nell’ovulazione, permettendo di valutare la riserva ovarica e la regolarità dei cicli.

Completamento della diagnosi

Una volta completati tutti gli esami, il medico avrà a disposizione un quadro clinico completo della coppia. 

Sulla base di queste informazioni, sarà possibile individuare le cause dell’infertilità e proporre le soluzioni più appropriate, che possono includere trattamenti farmacologici, interventi chirurgici o tecniche di procreazione medicalmente assistita.


Domande frequenti

Quali sono i principali fattori di rischio dell'infertilità?

I fattori di rischio dell’infertilità includono età avanzata (soprattutto per le donne), stile di vita (fumo, alcol, obesità), condizioni mediche preesistenti (sindrome dell’ovaio policistico, endometriosi), esposizione a sostanze tossiche e fattori genetici.

Quali sono le opzioni di trattamento disponibili per le coppie infertili?

Le opzioni di trattamento variano a seconda delle cause dell’infertilità e possono includere farmaci per la fertilità, inseminazione artificiale, fecondazione in vitro (FIVET) e altre tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Quando è consigliabile consultare uno specialista della fertilità?

È consigliabile consultare uno specialista della fertilità se non si riesce a concepire dopo un anno di rapporti non protetti (o dopo sei mesi se la donna ha più di 35 anni) o se si hanno problemi di salute noti che potrebbero influire sulla fertilità.

Qual è il ruolo del supporto psicologico nell'affrontare l'infertilità?

Il supporto psicologico è fondamentale per aiutare le coppie ad affrontare lo stress emotivo legato all’infertilità. Uno psicologo specializzato può fornire strumenti per gestire l’ansia, la depressione e le difficoltà relazionali che possono insorgere durante il percorso.

Quali sono le prospettive future per le coppie che non riescono a concepire naturalmente?

Le prospettive future per le coppie infertili sono incoraggianti grazie ai progressi della medicina della riproduzione. Le tecniche di procreazione medicalmente assistita offrono sempre maggiori possibilità di successo, e la ricerca continua a sviluppare nuove soluzioni per aiutare le coppie a realizzare il sogno di avere un figlio.


A chi rivolgersi

Contenuti correlati

Risorse scientifiche

Leave a Comment